FIAB Verona a Villa Buri per il progetto “MuoverSì” della AULSS 9
Lavorare con (e per) i bambini - Un appello

lunedì 6 novembre 2017, di LucianoLor

Si è appena conclusa l’edizione 2017 del progetto che FIAB Verona porta avanti in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione di AULSS9, nell’ambito del programma MuoverSì.

Si tratta, in buona sostanza, di mettere i bambini in sella e farli pedalare.
Alcuni sono già capaci, ma altri (e sono sempre di più) no. L’esperienza è molto coinvolgente e di grande soddisfazione. Per i bambini, certo, ma anche per i volontari che dedicano il loro tempo a questi piccoli, uomini del domani.

Per questo ci piacerebbe che alla ripresa del progetto, a primavera, le forze disponibili aumentassero un po’.
Leggi qui sotto l’appello della nostra Lelia Melotti a darci una mano in questa magnifica iniziativa.



Un obiettivo molto importante della nostra associazione è promuovere l’uso della bicicletta. Fondamentale è il rapporto con la scuola, soprattutto in questo momento storico in cui i nostri bambini sono praticamente prigionieri, accompagnati ovunque, sempre meno autonomi.

Nel 2017 con l’attività MuoverSì abbiamo promosso l’uso della bicicletta con 400 bambini di Verona e provincia, dalla terza elementare alla prima media, contattando 40 insegnanti, che si sono ogni volta dimostrati entusiasti dell’iniziativa. Fra questi alunni c’erano anche bambini con disabilità, che sono sempre comunque stati coinvolti. Bambini che non sapevano andare in bicicletta, con il nostro aiuto hanno imparato. Pensate che anche ora che i bambini hanno tutto, alla domanda: «Qual è stato il giorno più bello della tua vita?» la maggioranza risponde: «Quando ho imparato ad andare in bicicletta».

Un importante ruolo ha avuto l’educazione stradale, da noi svolta con brio e allegria.

Fondamentale anche il rapporto con AULSS 9, che finanzia tutta l’attività, fornisce le biciclette ed eroga un contributo economico alla nostra associazione. Collaborare con AULSS 9 fa crescere la credibilità di FIAB Verona.

Ci siamo sempre divertiti, l’attività è gratificante, il posto bellissimo e fortunatamente siamo sempre stati aiutati dal bel tempo.

Siamo però solo in quattro. Non sempre siamo tutti liberi. Nelle mattine in cui più bambini non sanno andare in bicicletta o ci sono bambini con problemi sarebbe necessaria almeno una persona in più. Avete letto in questi mesi i miei appelli [ndr: veicolati internamente ai soci attivi]. Ci siamo resi conto che è difficile per molti assicurare la propria presenza per 10 incontri dalle 8 alle 13. Più facile venire una volta o due, magari solo mezza mattina. Infatti abbiamo avuto risposta da alcuni di voi e tutto è andato per il meglio.

Ora l’attività è finita, riprenderà a primavera.
Vi aspetto numerosi, sono certa che troverete qualche ora per pedalare in allegria.

Un cordiale saluto
Lelia

Verona, 4 novembre 2017



Lelia Melotti
3405780291